DIVULGAZIONE SCIENTIFICA Il «GALILEO» VA ALL’ONCOLOGO PIER PAOLO DI FIORE

Corriere della Sera / di Marisa Fumagalli

È un docente di Patologia generale (Università degli Studi di Milano) e direttore del «Programma di Novel Diagnostics» il vincitore della XV edizione del Premio letterario «Galileo» per la divulgazione scientifica 2021: Pier Paolo Di Fiore ha scalato la classifica della cinquina dei finalisti, scelta dalla Giuria scientifica, con l’opera Il prezzo dell’immortalità (il Saggiatore), ottenendo 42 voti dalla Giuria popolare, composta da studenti universitari di tutta Italia. Ieri, la cerimonia di assegnazione al Teatro Verdi di Padova. Oltre alla presidente della Giuria scientifica Maria Chiara Carrozza (Scuola Superiore Sant’Anna, presidenza del Cnr) erano presenti, tra gli altri, Daniela Mapelli, rettrice dell’ateneo patavino, Andrea Colasio, assessore alla Cultura del Comune di Padova (promotore del Premio), Filiberto Zovico (fondatore di Italy Post). Il prezzo dell’immortalità descrive la nascita e l’evoluzione di un tumore «perché la conoscenza è l’unico modo per vincere la battaglia contro il cancro». Di Fiore, oncologo di fama internazionale, «guida il lettore alla scoperta di questo nemico invisibile». Gli altri finalisti del Galileo: Barbara Mazzolai, Chiara Valerio, Antonio Casilli, Alberto Piazza.