Luca
Azzolin

Ricercatore universitario in Istologia presso il Dipartimento di Medicina Molecolare dell'Università di Padova. Nel 2004 è stato ammesso alla Scuola Galileiana di Studi Superiori - Classe di Scienze Naturali, a Padova. Nel 2007 ha conseguito la laurea triennale in Chimica e nel 2009 la laurea specialistica in Chimica all'Università di Padova. Nel 2012 ha conseguito il dottorato in Biomedicina all'Università di Padova e nel 2018 il post-doc presso il laboratorio del professor Stefano Piccolo al Dipartimento di Medicina Molecolare dell'Università di Padova. Gli interessi scientifici sono focalizzati nel comprendere come i due regolatori trascrizionali YAP e TAZ sono modulati e come agiscono per promuovere importanti processi biologici quali la proliferazione, il differenziamento, la rigenerazione e la trasformazione tumorale. In particolare ha contribuito, grazie anche all’uso di modelli murini YAP/TAZ condizionali, alla scoperta di YAP e TAZ: come mediatori della via di trasduzione del segnale Wnt; come fattori essenziali per la crescita e l’auto-rinnovamento (self-renewal) di organoidi e per la trasformazione tumorale; come fattori di riprogrammazione in grado di convertire cellule differenziate nelle loro corrispondenti cellule staminali somatiche, con potenziali utilizzi in medicina rigenerativa. Grazie al sostegno di AIRC e dell’Università di Padova, è impegnato in un progetto di ricerca il cui scopo è migliorare la comprensione a livello cellulare e molecolare di vari tumori, in particolare un sottotipo particolare di tumore al fegato chiamato colangiocarcinoma. Il progetto si avvale di tecnologie innovative come la realizzazione di modelli miniaturizzati del tumore (i cosiddetti organoidi) e dell’utilizzo di informazioni a livello della singola cellula tumorale.