Cesare
Guaita
Nato e residente a Tradate (VA), si è laureato in Chimica nel 1973 e si è specializzato in Chimica organica e Chimica macromolecolare. Per oltre 25 anni ha lavorato come ricercatore presso i laboratori di una grande azienda. Esperto di cosmochimica e planetologia, ha pubblicato, su riviste divulgative e professionali, centinaia di articoli su questi temi, con particolare riferimento alle connessioni chimico-geologiche di una moltitudine di fenomeni planetari ed astrofisici. Nel 2006 ha pubblicato un volume molto apprezzato sul tema "La ricerca della vita nel Sistema Solare" (Sirio Editore). Nel gennaio 2009 ha pubblicato il volume "I giganti con gli anelli" (Gruppo B editore). In ottobre 2009 è uscito il volume "I pianeti e la vita, ultime scoperte" (Gruppo B Editore). In marzo 2012 ha pubblicato con la figlia Luca (astrofisica) il volume "Cile: Paradiso dell’Astronomia" (Gruppo B Editore). In novembre 2015 ha pubblicato un volume molto fortunato sul tema "L’ esplorazione delle comete, da Halley a Rosetta" (Hoepli Editore). Collabora normalmente con giornali e riviste, nonché con reti televisive pubbliche e private, con cui ha realizzato decine di programmi astronomici. È presidente e fondatore (anno 1974) del G.A.T., Gruppo Astronomico Tradatese, un’associazione ben nota in campo nazionale per la sua opera di divulgazione ad alto livello in tutti i campi della ricerca astronomica. La mostra triennale del G.A.T. dedicata a L’esplorazione del Sistema Solare (migliaia di immagini planetarie + 660 pagine di diciture) è unica in Europa. Partecipa a ricerche di tipo professionale specialmente nel campo delle comete, delle scienze planetarie e della bioastronomia, con risultati spesso presentati a congressi e pubblicati su riviste specialistiche del settore. Ha partecipato a campagne osservative in varie parti del mondo in occasione di importanti eventi astronomici. Tra questi: lo studio della cometa di Halley dal Sud Africa nell’aprile '86; l’osservazione della supernova 1987A nel dicembre 1988 in Kenia; la presenza al J.P.L. di Pasadena, in California, come visiting scientist, nell’agosto '89, in occasione dello storico incontro della sonda Voyager 2 con Nettuno; lo studio di 10 eclissi totali di Sole (la prima in Messico nel luglio '91, l’ultima in USA nell’agosto 2017). È grande esperto di didattica e di divulgazione dell’astronomia. In questo ambito, da oltre 25 anni, è conferenziere del Planetario di Milano dove ha finora tenuto circa 400 conferenze. In più, ogni anno sono almeno un centinaio le conferenze pubbliche e le lezioni a studenti di ogni tipo di scuola. È membro di molte società astronomiche italiane e straniere.